Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

In occasione della Giornata nazionale del ricordo e della solidarietà con le vittime del conflitto armato, Amnesty International ha sollecitato il governo colombiano a riconoscere l’aumento della violenza nei confronti dei difensori dei diritti umani e degli attivisti delle comunità già duramente colpite dal conflitto e a prendere misure urgenti per garantire queste persone.

“Il governo colombiano non può ignorare la tremenda e crescente ondata di minacce e omicidi contro coloro che difendono i diritti umani e le loro comunità. Lo stato è assente e non garantisce il rispetto dei diritti umani, il che favorisce un clima in cui i leader delle comunità possono essere presi di mira impunemente”, ha dichiarato Erika Guevara Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe.

“Questa violenza sta danneggiando profondamente quel tessuto sociale necessario per proseguire l’attuazione dell’accordo di pace. Lo stato deve immediatamente assumersi la responsabilità di salvaguardare la vita e l’incolumità dei difensori dei diritti umani, soprattutto di coloro che proteggono la terra, il territorio e l’ambiente e di quelli che hanno assunto ruoli di primo piano nelle comunità devastate dal conflitto”, ha proseguito Guevara Rosas.

Secondo dati ufficiali, dal 1° gennaio 2017 al 27 febbraio 2018 in Colombia sono stati assassinati 148 difensori dei diritti umani.

“Considerando il violento scenario di omicidi, minacce e intimidazioni, è incredibilmente allarmante che i più alti gradi dello stato colombiano abbiano risposto che non è vero che le persone vengono uccise a causa del loro ruolo di primo piano e del loro lavoro in favore dei diritti umani”, ha sottolineato Guevara Rosas.

Il governo deve riconoscere che storicamente la Colombia si è orientata verso una cultura di violenza contro coloro che proteggono gli interessi pubblici e difendono i diritti umani. Solo quando ciò sarà ammesso, la risposta a questi crimini potrà essere migliore e i meccanismi di prevenzione e protezione potranno essere rafforzati.

Se si vuole arrivare a una pace seria e duratura, il governo colombiano dovrà prestare la massima attenzione e fornire piena assicurazione ai leader comunitari, ai contadini, alle vittime, a coloro che difendono il territorio e le risorse naturali e, infine, a chi pretende l’attuazione a livello locale dell’accordo di pace e del processo di restituzione delle terre sottratte durante il conflitto.