All'Oratorio di S. Rocco a Bologna, sabato è stato presentato "L'assassino che è in noi", il nuovo romanzo noir di Rigel Bellombra, lo scrittore che nel gennaio 2020, col romanzo satirico "L'abrogazione dell'amore", aveva previsto il divieto legale di baci e abbracci. L'Autore ne ha parlato con l'editore Arturo Bernava (ed. IlViandante), con la partecipazione dei Dis-Attori del Club degli Smarriti. Rigel Bellombra è lo pseudonimo da scrittore e compositore del prof. avv. Antonio Albanese, professore di Diritto privato nell'Università di Bologna. Le sue poesie sono state interpretate da Ivano Marescotti e le sue canzoni da Iskra Menarini."

 

SINOSSI Arrivati all’altezza del Silven Light Bridge, nel breve tratto in cui i convogli del metrò riemergono sopra il suolo, mi incantai a vedere la città nuda che era la scenografia della mia vita. Migliaia di luci accese, le insegne scintillanti, le vetrate degli uffici ancora pieni di gente, i cantieri con le gru che gareggiavano in altezza coi grattacieli pazzi di vita… Eppure, tutte queste cose insieme non riuscivano a scalfire il fascino sordido di una città che non mostrava la sua vera anima, che affogava nei colori e annegava in una esibita sazietà la sua oscura disperazione. “Chissà”, pensavo, “cosa sta accadendo in questo preciso momento all’interno di quelle mura o al buio dei cortili, nei mille vicoli coi loro tombini putrefatti di sangue e di menzogna…”

 

BIOGRAFIA Rigel Bellombra è lo pseudonimo da scrittore e compositore del prof. avv. Antonio Albanese, professore di Diritto privato nell'Università di Bologna. Le sue poesie sono state interpretate da Ivano Marescotti e le sue canzoni da Iskra Menarini. Pur ponendosi al di fuori del tempo, è menzionato nell’Enciclopedia italiana dei Poeti Contemporanei. Ha ricevuto la Publica Laus dall’Università Pontificia Salesiana e non l’ha più restituita. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Ma qualcosa rimane”, vincitrice del premio Golden Selection e, con IlViandante, l’opera “Fuoriclasse. Poesie e canzoni per bimbi”, in cui le sue poesie sono interpretate da Ivano Marescotti. “L’assassino che è in noi” è il suo secondo romanzo, dopo il fantasy satirico “L’abrogazione dell’amore”. Nel 2022 ha fondato il Club degli Smarriti.