Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Presentata la XXI Edizione del “Triskell” il festival internazionale di musica e cultura celtica di Trieste, dal 23 luglio al 1 agosto 2021 presso il Boschetto del Ferdinandeo di Trieste

Dopo la riuscitissima edizione del Ventennale, che è stata uno dei pochi eventi svoltisi nel 2020, arriva il traguardo dei ventun anni di vita del festival celtico internazionale del Friuli Venezia Giulia. Il festival, nato dalla passione per un mondo antico e molto vicino alla natura, ha superato negli anni le centomila presenze e ampliato il suo ricco programma rivolgendosi a famiglie, bambini, giovani e turisti nella sua cornice ideale, il Boschetto del Ferdinandeo di Trieste. “Il programma di questa ventunesima edizione vedrà un ricco e sempre coinvolgente repertorio musicale, sarà dato ancor più spazio alla manualità, all'arte, alla natura e alla spiritualità senza dimenticare il divertimento, il gioco e lo sport e tutto, anche quest'anno, in sicurezza” dichiara Elisabetta Sulli, presidente dell'Associazione Uther Pendragon che organizza la manifestazione, e che ricorda che dal 2020 il festival è Ecofesta plastic free con sponsor la Regione FVG ambiente. 
Dal 23 luglio all’1 agosto, appassionati, curiosi e veri e propri cultori del Triskell potranno  immergersi per dieci giorni in un ricchissimo programma che ripercorre le tradizioni e le usanze degli antichi Celti, a contatto con la natura e con la possibilità di partecipare ai numerosi  laboratori, conferenze, stage e coinvolgenti attività anche per i più piccoli. Le danze e la musica delle aree cosiddette celtiche, rimangono il piatto forte che ogni anno attira un pubblico numerosissimo da tutta Italia, ma anche da Austria, Slovenia e Croazia.
Anche in questa edizione l'evento gode della coorganizzazione del Comune di Trieste, in particolare l'Assessorato al Turismo, del sostegno della Regione Autonoma F.V.G. assessorato al Turismo e Cultura, del Gruppo Banca Popolare di Cividale, l’ ASUIT, nonché della Trieste Trasporti e del prestigioso patrocinio gratuito del Consolato generale della Repubblica di Slovenia a Trieste.
L’iniziativa è stata presentata stamane in Municipio dall’assessore comunale alla Cultura Giorgio Rossi e dalla presidente dell’associazione Uther Pendragon Elisabetta Sulli.
 
“E’ un festival prestigioso che fa parte ormai della tradizione culturale della città, essendo giunto quest’anno alla ventunesima edizione dopo l’esordio al Castello di San Giusto – ha affermato l’assessore Rossi - in grado di attrarre sempre un gran numero di appassionati da tutta la regione grazie a un programma ricco di proposte interessanti e novità”.
La presidente Sulli, ringraziando l’assessore Rossi e l’Amministrazione comunale per aver sempre creduto in questa manifestazione, ha evidenziato le novità di questa edizione, in particolar modo nella ristorazione con l’allestimento di singoli gazebo di prelibatezze sfiziose anche in tema medievale. Artisti di primo livello anche in ambito musicale. Anche quest'anno come per il 2020, la maggior parte dei gruppi che si esibiranno provengono perlopiù dall’Italia, viste le difficoltà a intraprendere un viaggio per le band dall’estero, a causa della pandemia. Saranno comunque presenti due band straniere, una dall’Ucraina e una dalla Slovenia, con una presenza di tutto prestigio dagli USA, l’ospite d’onore nel gruppo Willo’s Athena Tergis, il violinista del musical internazionale Riverdance.
 
A inaugurare il cartellone nella notte del 23 luglio per la rassegna “Spazio ai gruppi locali”, i Wooden Legs, e a seguire le sonorità dei Daridel pagan folk, che presentano un genere nordic viking con toni selvaggi e tribali. Dall'Italia, avremo ospiti quali Corte di Lunas, Arthan Rebis & In Vino Veritas, Patricks, Willos’, Boira Fusca, Ragnarok, Rota Temporis e Alban Fùam, con esibizioni di danze celtiche prima sabato 24 luglio con il ritorno dei Gens d’Ys, l'accademia di danze irlandesi più famosa d'Italia e con la grande chiusura dell’1 agosto con lo spettacolo di danze irlandesi con ben 25 danzatori della scuola di danze di Lubiana, accompagnati dalla musica dal vivo dei Noreia band. 
Gli ucraini Spiritual Season, abili a coniugare differenti culture musicali come quella scandinava e quella celtica, si esibiranno sabato 24 luglio in prima serata prima dei Gens D'Ys e domenica 25 dopo i Corte di Lunas. Lunedì 26 sonorità medievali con Arthuan Rebis & In Vino Veritas, mentre martedì 27 i veronesi Patricks, band Irish folk, proporranno brani della tradizione irlandese in chiave moderna. Mercoledì 28 i Willos’ saranno accompagnati da  Massimo Giuntini e la sua cornamusa, assieme alla violinista internazionale dagli States, Athena Tergis. Gradito ritorno giovedì 29 dei Boira Fusca e le loro rivisitazioni in chiave elettrica e cornamusa di antiche melodie tradizionali, appartenenti principalmente alle aree celtiche. Venerdì 30 luglio sarà la volta dei Ragnarok, duo rivelazione che ha partecipato al ventennale con coinvolgenti musiche nordic viking, a seguire i tamburi e le cornamuse dei Rota Temporis, che si esibiranno anche sabato 31 in prima serata e precederanno sul palco gli Alban Fùam. A chiudere il festival domenica 1 agosto, sarà la volta dello spettacolo Erin’s Heartbeat Project della Sola Irskega Plesa di Lubiana, accompagnati live dalla musica degli sloveni Noreia.
 
Numerosi spettacoli di contorno appassioneranno anche quest'anno il pubblico del festival. A dare un tocco suggestivo alle serate del Triskell ritroviamo Vassago, con il suo spettacolo di contact juggling e fire perfomance intitolato “B.I.O.S: Burning Idols Over the Stars” che starà tutte e dieci serate, e si esibirà a fine concerti. 
Prosegue la terza edizione del Triskell Contest di Bodypainting, l'arte di dipingere i corpi, che avrà come tema: “I viaggi di Bren-Dante”, dedicato al sommo Poeta che quest’anno viene celebrato in ricordo ai 700 anni della sua morte. Il contest, che vedrà opere dedicate agli elementi del paradiso e inferno, si svolgerà domenica 25 luglio con finale sul palco dalle 19.00. Info sul sito www.celticevents.org
 
La cornice magica del Boschetto del Ferdinandeo diventerà anche in questa edizione lo scenario perfetto per tantissime attività dedicate ai bambini, alle famiglie e a chiunque volesse recuperare la spontaneità dell'infanzia. Usare le mani, stupirsi, creare, immaginare, sognare e divertirsi saranno le parole d'ordine dei tantissimi laboratori e delle animazioni dedicate ai più piccoli. L'evento più atteso anche quest'anno saranno le animazioni della Compagnia di San Giorgio e Il Drago, sabato 31 e domenica 1 agosto bambini e genitori potranno immergersi in questo divertente gioco/spettacolo interattivo rivivendo le avventure di “Harry Potter e la Scuola di Magia di Hogwarts” sabato 31 dalle 15 alle 17 mentre domenica 1 dalle 11 alle 13. Oppure potranno ritrovarsi tra “Hansel & Gretel e i Cacciatori di Streghe”, presentato per la prima volta al Triskell, domenica 1 dalle 15 alle 17. 
Il mondo fantastico sarà protagonista anche dei laboratori del Giardino Incantato di Greta che si svolgeranno per tutta la durata del festival e che coinvolgeranno grandi e piccini nella creazione di unicorni portafortuna, streghette dispettose, gnomi, folletti, pozioni, ciondoli, unicorni, porte fatate, draghetti e molto altro attraverso la modellazione del fimo. Bambini e adulti potranno imparare a creare bacchette magiche con Jordy, l'artigiano del Giardino di Wolfy. oppure immergersi nelle erbe e incantesimi del mondo di Potter. Al Cerchio di Fiabe i “Raccontastorie”, racconti bardici e storie irlandesi con Fairy Rainbow dei MacAjvar. 
Non mancheranno gli appuntamenti sportivi, con la disciplina dell'arco insieme alla ASD Dragon Rouge, dove le prove di tiro saranno libere e gratuite, il “VII Trofeo Alasdair” per bambini fino ai 12 anni  e adulti, e il “II Torneo Triskell” valido per il campionato nazionale e amichevole Triveneto, dove si incontreranno diverse categorie di Tiro con l’Arco. Dopo corsi di tiro con l’arco, stage di spada e scudo per bambini con l'Ass.Cult. Tre Draghi, Fata Foglia terrà lo stage di arpa celtica per bambini e adulti che volessero provare a suonare l'arpa celtica, tre stages di danze celtiche, scozzesi e irlandesi con Gens d’Ys e il Clan MacMulz, e ancora arpaterapia per rilasciare le tensioni sempre con Fata Foglia.
 
Un ricco calendario di conferenze e approfondimenti storici con esperti relatori, giornalisti e scrittori, permetterà a curiosi e appassionati di approfondire e ripercorrere tradizioni, cultura e spiritualità di questi antichi popoli che hanno abitato anche i nostri territori. Avremo un ciclo di conferenze su diversi temi organizzate dal Clan Torkoi, una conferenza di Emiliana Brero sulla spiritualità di Avalon e una di Fabio Calabrese su Dante celtico. Sarà possibile approcciarsi alla manualità degli antichi Celti lavorando argilla, cuoio, erbe e incensi e nella realizzazione dei nodi celtici e di oleoliti grazie ai componenti del clan MacAjvar. Il pubblico potrà poi imparare passi di danza in sicurezza, bretoni, scozzesi oppure irlandesi, tirare con l’arco storico, duellare con la spada, percorrere il labirinto di Artos per rilassare la mente o  scoprire dal vivo come si panificava a quei tempi, come anche imparare le antiche tecniche di tessitura con il fuso e farsi predire il futuro con le rune nel boschetto.
 
TIRO CON L'ARCO E VII TROFEO ALASDAIR: Sono previste gare per categoria juniores e seniores. Inoltre prove, dimostrazioni e corsi di tiro con l'arco per tutta la settimana a cura dell'ASD Dragon Rouge, con la consueta iniziativa “Una freccia per...” che quest'anno vedrà come soggetto beneficiario l’ASTAD tramite una raccolta fondi occasionali a sostegno dello stesso. Ogni donazione devoluta sarà ben accetta. Quanto raccolto, sarà donato l’ultima sera sul palco a un rappresentante dell’ASTAD.
 
Omaggio all'amore come lo vivevano gli antichi Celti, immersi nella natura, con le celebrazioni delle Unioni con rito celtico, che ogni anno riscuotono grandissimo successo tra le coppie di tutte le età, e che verranno celebrate quest'anno da Bridge Macjvar e Atanvarniee, anche in lingua friulana.
 
Ritorna l'acclamatissima “Lotteria Celtica” dove anche quest'anno l’associazione Uther Pendragon ha messo in palio ben 15 premi. Tre weekend per 2 persone: Scozia, Irlanda e Galizia, e poi bottiglie di idromele e tanti altri premi. Perché non tentare la fortuna con soli 2 euro a sostegno della manifestazione vincendo un meraviglioso weekend? Con la Lotteria Celtica si può! Il regolamento completo è visibile sul sito www.celticevents.org, chi ama questa manifestazione ha l'opportunità di sostenerla con la possibilità di vincere meravigliosi premi.
 
Inoltre tende storiche, accampamenti, battaglie, dimostrazioni, divinazioni e rievocazioni di antichi rituali come l’antica celebrazione di Lammas (Lughnasad), dedicato a una delle divinità più importanti dei Celti: il dio della Luce Lugh. Quest’anno novità per la ristorazione: food singoli con enormi panini con ripieno su antiche ricette medievali anche per vegetariani, squisitezze panate come le mozzarelline al tartufo o i fiori di zucca, le pannocchie alla Bilbo Beggins alla brace, la braceria medievale delle carni e zuppe medievali, le crepes dolci e salate, ma anche sfiziose patatine fritte con rondelle di wurstel per i più piccoli. Il tutto accompagnato dalla favolosa birra irlandese e da una trentina di espositori con stand di artigiano celtico e fantasy che coloreranno con oggetti esclusivi il ricco mercatino.
 
Sarà riproposta la gettonata mostra a pannelli sulle migrazioni dei Celti che sarà posizionata nel gazebo 8x8 come anche la mostra personale di Okamy Mangart, con opere proprie a tema fantasy. Riavremo le Driadi (fuori programma), con le richiestissime acconciature celtiche, e tanti laboratori collegati all’ECOFESTA e al riciclo, come il workshop di creazione di una fortezza o dell’arte del riciclo nell’ascolto degli elementi. 
 
Triskell è anche itinerante. Iniziato il 6 luglio al Castello di San Giusto con la partecipazione di Vincenzo Zitello inserito in Sere Estate 2021 organizzato dal Comune di Trieste, è proseguito il 10 e 11 Luglio con il duo Salley Gardens in formazione di artiste di strada, in Villa Revoltella prima a Duino Aurisina poi. Il 16 invece, replica in Villa Engelmann. Il 22 luglio i Daridel si esibiscono a Villa Tissano, mentre i Rota Temporis faranno tappa di strada in piazza Unità il 31 luglio alle 11.00. Altri due eventi si terranno a Capodistria con la collaborazione della Comunità degli Italiani.
 
Triskell è un evento che rispetta l’ambiente, e dal ventennale è diventato ECOFESTA plastic free, e il motto che lo contraddistingue è: #faifestamausalatesta. Piatti e bicchieri sono tutti in materiale certificato compostabile e vanno gettati nei contenitori dell’umido. 
 
Triskell, fa parte di ECQUE (European Celtic Quality Events), il marchio di qualità fondato il 17 marzo 2011 assieme ad altri 3 principali festival celtici d'Italia, un consorzio che contraddistingue gli eventi d.o.c. del circuito celtico italiano. Ecque è la federazione degli eventi celtici che garantisce spettacoli e servizi di qualità al proprio pubblico.
 
Per approfondimenti e per il programma dettagliato è possibile consultare il sito della manifestazione  www.celticevents.org  e la pagina ufficiale su FB Triskell Celtic Festival.
 
 
Il Festival Internazionale di Musica e Cultura Celtica Triskell, si avvale di ben dieci partner qualificati: la Comunità degli Italiani di Capodistria “Santorio Santorio”, l’ass. per lo sviluppo e creatività di Krasnice (Sloveni), la Proloco del Mitreo di Duino-Aurisina, l’A.S.D. Dragon Rouge, Ass. Cult. Aes Torkoi, Ass. Cult. Tre Draghi, Ass. Cult. Clan del Toro, Ass. Cult. Silicon Kafe, A.S.D. Gens d’Ys, l’ASD Insubria Antiqua, realtà cittadine ma anche di altre città d’Italia ed estere. Altri sostenitori sono: ECQUE; Irlandando.it; Radio Cronica Folk Musical (Spagna) Irlandaonline.it
 
Radio Punto Zero Tre Venezie, radio ufficiale del Festival, seguirà la manifestazione con interviste, dirette quotidiane all’area della manifestazione.