Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La sezione di Parma del Tar dell'Emilia Romagna ha dato torto a una studentessa la quale dopo non essere stata ammessa agli esami di maturità, nel 2018, aveva fatto causa a una scuola della città. La giovane aveva concluso l'anno senza raggiungere la sufficienza in ben quattro materie, eppure per facilitarla i suoi docenti hanno redatto anche un piano didattico personalizzato. Scrivono i magistrati nella sentenza: "La giurisprudenza ha già avuto modo di precisare che l’eventuale mancata attivazione di percorsi di recupero non vizia la non ammissione atteso che il giudizio espresso dal Consiglio di classe si fonda in via esclusiva sulla constatazione dell'insufficiente preparazione dello studente e sul grado di maturazione personale dello stesso" - e concludono - "Le insufficienze riportate, infatti, sono molteplici e gravi e palesano il mancato conseguimento da parte della ricorrente di un livello di preparazione sufficiente. La studentessa dovrà rifondere anche 500 euro di spese legali. La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, attraverso il coordinatore Salvatore Pizzo, in merito alla decisione commenta: “Si tratta dell'ennesima lezione che viene data dalla magistratura amministrativa a una certa tipologia di studenti e  genitori che osano mettere in discussione l'operato dei docenti dei loro figli minandone l'autorità"  - conclude - "per essere promossi basta studiare".