Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

I Pioppi di Aurora Bozzer e C. Sas - Canile di Villotta S.r.l., che esercita lìattività di custodia di cani e gatti è stata interessata da un’ordinanza di demolizione emessa dal Comune di Chions, riguardante i fabbricati adibiti ad ospitare gli animali, a seguito di ciò i titolari hanno impugnato il provvedimento di diniego emesso dallo stesso Comune, in risposta alla propria richiesta di poter procedere alle demolizioni in "forma tale da salvaguardare l’attività esercitata". La Regione ha concordato sulla soluzione proposta, mentre il Comune l’ha decisamente respinta per l’inesistenza di “norme in ambito urbanistico-edilizio che consentano di prorogare i termini per la demolizione, previsti dalle ordinanze, oltre i novanta giorni dalla data di notifica delle medesime”. Secondo il Tar tale motivazione "appare insufficientemente motivata, nonché violativa dei principi di leale collaborazione e di buona fede che devono improntare i rapporti tra cittadino e pubblica amministrazione", anzi i giudici amminitrativi nella sentenza affermano che sussiste da parte del comune "il potere discrezionale di sospenderne in tutto o in parte gli effetti o l’esecuzione, al ricorrere di “gravi ragioni”. Il Comune di Chions è stato difeso dall'avvocato Francesco Mazzoleni, la ricorrente dal legale Mattia Matarazzo. La sentenza è stata emessa dal collegio composto dai  magistrati: Oria Settesoldi, (Presidente), Manuela Sinigoi (Consigliere) Luca Emanuele Ricci (Referendario, Estensore).