Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La società intermodale milanese Logtainer e la svizzera Hupac, con sede a Chiasso, hanno firmato un accordo di collaborazione per il trasporto internazionale di container dai porti liguri verso le destinazioni svizzere e della Germania meridionale. “Questo accordo permetterà ai nostri clienti e partner di sviluppare e incrementare i traffici destinati oltre le Alpi che attualmente non transitano dai porti italiani”, spiega Guido Nicolini, amministratore delegato di Logtainer. “La sinergia tra le due società intensificherà i traffici ferroviari per incontrare le esigenze del mercato, con significativi vantaggi ambientali in termini di risparmi di CO2”.  Hupac recentemente  ha reso noto che nel 2020 è riuscito a mantenere i volumi di traffico al livello dell'anno precedente. "Tuttavia, a causa della crisi coronavirus, lo sviluppo è rimasto al di sotto delle aspettative". Le conseguenze della crisi Covid-19 si sono fatte sentire in particolare nel traffico transalpino attraverso la Svizzera (-2,3%). Nel periodo aprile-giugno, la domanda è calata sensibilmente; ciononostante, Hupac ha mantenuto la sua rete intermodale e ha dato un contributo importante per assicurare la logistica di beni essenziali. Nella seconda metà dell'anno, i volumi hanno nuovamente raggiunto i livelli dell'anno precedente. "Viste le circostanze straordinarie, siamo soddisfatti del volume di traffico raggiunto", dichiara Michail Stahlhut, CEO del Gruppo Hupac. "Tuttavia. Hupac punta quindi su misure supplementari per controllare i costi e aumentare la produttività. "Ci concentriamo sulla massima lunghezza possibile dei treni, sia sul piano operativo che di pianificazione. Il potenziamento della rete fino a una lunghezza standard di 740 metri è la nostra massima priorità".