Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia ha annullato una modifica del "regolamento annuale di fruizione venatoria 2020/21" approvata dal Distretto Venatorio N. 2 Carnia, ad adire alle vie giudiziarie era stata l'Associazione della Riserva di Caccia di Enemonzo-Villa Santina. L'atto disponeva che la caccia si svolgese per ” tre giorni a scelta sui cinque settimanali” anziché come in origine adottato ”il giovedì, la domenica e un giorno a scelta". La decisione è stata adottata dal collegio composto dai magistrati: Oria Settesoldi (Presidente), Manuela Sinigoi, Consigliere (Estensore) e Luca Emanuele Ricci (Referendario). L'Associazione della Riserva di Caccia di Enemonzo-Villa Santina è stata rappresentata dall'avvocato Alessandro Zocca, il Distretto Venatorio dal legale Franco Ciliberti.