Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Anche quest’anno, dentro un periodo  difficile di pandemia e burrascoso, è arrivato il Natale,

porta sempre freddo e neve, creando un’atmosfera di buona armonia per festeggiare questa festa speciale.
 
Questa bella festa, ci dà la forza di affrontare al meglio il COVID e raggiungere l’obiettivo di una rinascita,
 
bisogna restare uniti con responsabilità e sacrificio, nella condivisione, solidarietà per superare le difficoltà.
 
C’è bisogno di un Natale pieno di umanità, per ricordare con amore i nostri cari anziani,
 
è venuta a mancare la loro saggezza, esperienza, sapere, per colpa del COVID, in silenzio se ne sono andati.
 
Questo periodo buio per il COVID, con la ricorrenza della nascita di Gesù bambino ci porti luce speranza,
 
illumini il nostro cammino, per costruire dentro i valori, di amicizia, gentilezza l’umana fratellanza.
 
C’è bisogno di un Natale solidale, superare le barriere e costruire ponti, per aiutare, di più e meglio,
 
i più bisognosi, i vecchi, gli ammalati i diversamente abili, gli immigrati, compiere buone azioni con orgoglio.
 
C’è bisogno di un Natale, di responsabilità e impegno per la natura e l’ambiente, da curare e salvaguardare,
 
la terra è la nostra preziosa casa comune, piena di infinite bellezze di vite, da ammirare e da rispettare.
 
C’è bisogno di un Natale, di collaborazione, di relazioni sane e umane fatte con amore e gentilezza,
 
dare tutti il meglio di noi per il bene comune, la dignità di ogni persona sia garantita e diventi  una certezza.
 
C’è bisogno di una società, dove il diritto alla salute, all’istruzione, al lavoro, al cibo, da bere e da mangiare,
 
sia garantito a tutti i cittadini del mondo, ci sia una distribuzione delle risorse più equa e più solidale.
 
Sarà tutti i giorni Natale, se al centro metteremo la persona con i suoi bisogni e se insieme sconfiggeremo l’indifferenza , allora riusciremo a costruire un mondo più umano, più giusto e migliore,
 
dentro un percorso luminoso, di impegno concreto, con gentilezza e intelligenza per raggiungere  gli l’obiettivi di fratellanza, di
 
di giustizia sociale, di pace e di rinascita, con azioni fatte con umiltà e con il cuore.
 
 
Francesco Lena - Cenate Sopra ( Bergamo )