Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Il Tar del Friuli Venezia Giulia ha annullato “l'incarico di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione per la realizzazione dell'iniziativa di coabitare sociale in Piazza San Rocco a Carlino – primo e secondo lotto”. La procedura è stata impugnata da AB&P Engineering S.r.l., anche in veste di mandataria designata del costituendo raggruppamento temporaneo di imprese (IN.AR.CO. s.r.l., arch. Roberto Del Mondo e dott. Geol. Alessando Pavan (mandanti), società IN.AR.CO. S.R.L.), tutti rappresentati e difesi dall'avvocato Lorenzo Botteon. La gara d'appalto era stata indetta dalla Centrale Unica di Committenza Istituita presso l'Unione Territoriale Intercomunale Riviera Bassa Friulana,  difesa dagli avvocati Gianni Zgagliardich, Francesco Quaranta, Elisa Adamic e Romea Bon. Inm & Partner S.r.l., prima classificata, è stata difesa dall'avvocato Antonio D'Alesio. AB&P ENGINEERING s.r.l., seconda graduata ha contestato delle irregolarità nella procedura. La sentenza è stata emessa dal collegio composto dai magistrati Oria Settesoldi (Presidente), Manuela Sinigoi (Consigliere, Estensore) e Luca Emanuele Ricci (Referendario).