Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

E' oramai noto che le vicende giudiziarie in cui fu coinvolto l'ex sindaco di Parma Pietro Vignali, una decina di anni fa, non hanno portato ad alcun addebito nei confronti dell'allora primo cittadino della città ducale, il quale solo dopo due lustri ha ottenuto che fosse dichiarata la sua estraneità a quanto gli fu allora ascritto, intanto   reputazione e vita politica dell'interessato sono state lese in maniera forse irrimediabile. 

Quella vicenda giudiziaria aprì le porte alla scalata di grillini e post grillini al potere: Parma fu il primo comune conquistato dai cinque stelle che candidarono Federico Pizzarotti ed è stato il primo anche il primo grande comune ad essere amministrato da ex grillini fuoriusciti, dopo che Pizzarotti e i suoi divorziarono dal movimento di Casaleggio e Grillo. 
Persone che hanno fatto breccia nella gestione della cosa pubblica partendo da una situazione di contesto, quella parmigiana, che a 10 anni di distanza si scopre non essere quella che appariva. 
Sarebbero rimasti degli sconosciuti se non  fosse stato commesso il grave torto ai danni di Vignali, la gente li votò sull'onda dell'emotività, “contro la casta”, nessuno poteva immaginare che ci fossero state sviste giudiziarie. 
 
Grillo e Casaleggio avrebbero dovuto trovare un altro trampolino di lancio per la loro creatura, i presupposti che sono stati alla base dell'ascesa grillina e post grillina a Parma si sono sciolti come neve al sole, a questo punto sarebbe etico che coloro che hanno tratto giovamento da tale equivoco togliessero il disturbo. 
 
Non sarebbe peregrina un'eventuale decisione di Vignali di riproporsi, grillini e post grillini avrebbero pochi argomenti per contrastarlo, anzi dovrebbero loro difendersi dal ruolo di “usurpatori” con il quale una parte consistente di elettori potrebbe identificarli. 
Dopo che i contorni della vicenda Vignali sono divenuti noti, qualche navigato ex politico pregiudicato vicino a Comunione e Liberazione ha espresso apprezzamento per il ritorno di Vignali. L'ex sindaco se decidesse di rimettersi in gioco non verrebbe certamente favorito da certi appoggi, seppur indiretti, espressi da qualche membro di CL tuttora agli arresti.
 
#parmachenonva
#cielleminoranza