Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

È Samuele Parentella il vincitore della 11a edizione di “Obiettivo Terra” 2020, il concorso fotografico dedicato alle bellezze e alle peculiarità delle Aree Protette d’Italia, promosso dalla Fondazione UniVerde e dalla Società Geografica Italiana Onlus, per celebrare la 50esima Giornata Mondiale della Terra (22 aprile). La foto vincitrice ritrae un martin pescatore che, a pelo d’acqua, stringe nel becco una piccola preda, immortalato nella Riserva Naturale della Palude di San Genuario (Piemonte).

 

2 i Premi all'Emilia-Romagna, entrambi assegnati al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna: la Menzione “Alberi e Foreste”, con la foto Alba nel bosco innevato di Roberto Melotti, e la Menzione Speciale “Plant Health”, in collaborazione con Cobat, che celebra il 2020 Anno Internazionale della salute delle piante, con lo scatto Il risveglio della Terra di Roberto Babbini.

 

In collegamento video è intervenuto Luca Santini, Presidente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, che si è complimentato con i vincitori delle due Menzioni e ha ricordato che l'Area protetta “è l'unico parco forestale italiano, tra Toscana e Emilia-Romagna, con esemplari di faggi che superano i 550 anni di età. 7.700 ettari del Parco sono diventati Patrimonio Unesco nel 2017. Abbiamo la più grande biodiversità forestale europea e le due foto premiate ne sono la più importante testimonianza”.

 

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, ha dichiarato: “Obiettivo Terra ha radunato in oltre dieci anni migliaia di amanti della natura e del Bel Paese. Questo patrimonio di foto è la conferma che in questo momento di emergenza i Parchi possono offrire l’occasione per un nuovo turismo più sostenibile e sicuro. La presenza di tante autorevoli presenze istituzionali e del mondo del Parchi e dell’ambiente, di persona e in collegamento, confermano la crescente stima nei confronti dei tanti cittadini attivi nella difesa della natura”.