Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Litigò con il cognato e pensò di mettergli paura imbracciando un fucile, ma da quel gesto è scaturito un procedimento penale che è costato ad un 63enne di Traversetolo (Parma) una condanna a 6 mesi. Qualcuno notando la scena avvertì i carabinieri che recatisi sul posto controllarono la casa dell'uomo, i militari oltre al fucile, che un tempo era appartenuto al padre deceduto, trovarono anche una doppietta monocolpo senza marca e priva di matricola, oltre a ciò c'erano anche 20 cartucce. Il fatto risale all'agosto del 2016 e dopo il processo, nei giorni scorsi è arrivata la sentenza, il giudice Paola Artusi lo ha condannato a 6 mesi e 1400 euro di multa, il pubblico ministero aveva chiesto la pena di 1 anno e 4mila euro di multa.