Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Il Comando di Udine della Brigata Alpina Julia dovrà modificare la "determina a contrarre per la stipula di un Accordo Quadro della durata di 4 anni per il servizio di manutenzione e riparazione dei veicoli commerciali, tattici, tattico-logistici e mezzi del genio in dotazione alle Unità", lo ho deciso il Tribunale Amministrativo Regionale del Friuli Venezia Giulia accogliendo parzialmente un ricordo del Consorzio Parts & Services, difeso dagli avvocati Giovanni Luigi Machiavelli, Mauro Tronci e Giulio Steri. I giudici amministrativi hanno ritenuta illegittima la parte dell'atto, in cui prevede che tra i requisiti per poter svolgere la commessa fosse necessaria "l'autorizzazione prefettizia alla detenzione, per scopi manutentivi e riparatori, di veicoli militari, ai sensi dell'art. 28 del T.U.L.P.S., approvato con R.D. 18.6.1931, n. 773 e s.m.i. in corso di validità" . La sentenza è stata emessa dal collegio diudicente composto dai magistrati: Oria Settesoldi (Presidente), Manuela Sinigoi (Consigliere) e Lorenzo Stevanato, (Consigliere, Estensore).