Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Dopo essere stato condannato dal Tribunale di Parma per non aver custodito correttamente un'arma si è rivolto alla Cassazione che gli ha dato torto, la sanzione per un 52enne di nazionalità italiana, denunciato a Busseto nel dicembre del 2016, era abbastanza esigua: un'ammenda di appena 500 euro ma l'uomo ha preferito proseguire fino all'ultimo grado di giudizio. Il 52enne a suo tempo denunciato dai Carabinieri della cittadina verdiana era stato condannato lo scorso febbraio, dopo che i militari avevano controllato la sua auto mentre era parcheggiata. L'uomo contestava la condanna ritenendo che la sentenza non fosse argomentata a sufficienza, la Cassazione l'ha confermata non dichiarando ammissibile il ricorso ed ha disposto che l'interessato versi altri 3mila euro nella cassa delle ammende.