Una 30enne di Alessandria è stata sequestrata e rinchiusa in uno scantinato ad Asti, dove due tunisini l'avrebbero violentata. La donna è stata liberata dalla polizia, dopo che è riuscita ad inviare un messaggio WhatsApp ad un'amica che ha lanciato l'allarme. La 30enne aveva nascosto il cellulare ai suoi aguzzini. I due tunisini sono stati arrestati. Sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni: queste le accuse a vario titolo nei confronti degli aguzzini, pregiudicati con precedenti per spaccio di droga, un terzo tunisino è indagato per concorso in sequestro.