Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Una motrice, una gru ed un rimorchio carico di argilla per un valore di 35mila euro rubati a Felegara, frazione del comune di Medesano nel parmese ai danni della Boni Servizi srl di Varano de Melegari ed un semirimorchio sottratto ad un'altra impresa a Castelvetro Piacentino. Una vicenda di furti ai danni di ditte edili che risale alla notte tra il 20 e dil 21 aprile del 2013 per la quale sono stati indagati tre cittadini italiani, uno dei quali è stato condannato qualche giorno fa dal Tribunale di Parma a 8 mesi di reclusione e 400 euro di multa. Si tratta del 46enne G.L. assistito dall'avvocato Elena Cavalli. Lo stesso legale ha difeso anche G.C., anche lui 46enne, finito sotto processo con l'accusa di essere complice, ma in questo caso il giudice monocratico Livio Cancelliere (Pm Rino Massari) ha decretato l'assoluzione. I due furono rintracciati dopo il furto a causa di intercettazioni telefoniche relative ad un'altra inchiesta che stavano conducendo in quel periodo i poliziotti della Squadra Mobile di Padova, gli agenti ascoltando le conversazioni si accorsero dei fatti appena avvenuti in provincia di Parma e di Piacenza e scattò l'intervento della Polizia, fu indagato anche un terzo uomo ma la sua posizione è stata vagliata separatamente.