Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La terza edizione di GrandArt – Modern & Contemporary Fine Art Fair si è chiusa registrando oltre 11.000 ingressi. La fiera, che si è svolta dal 4 al 6 ottobre 2019 presso lo spazio espositivo The Mall a Milano in Porta Nuova, ha confermato l’interesse verso il mondo dell’arte pittorica, in particolar modo quella figurativa, di un pubblico sempre più eterogeneo.

Più di 50 gallerie nazionali e internazionali hanno esposto le loro opere – dipinti, sculture e arti applicate moderne e contemporanee – con l’obiettivo di mostrare il valore della tradizione artistica italiana interpretata in chiave contemporanea. Molto partecipati anche i talk e i workshop curati da Cesare Biasini Selvaggi, saggista e giornalista, e Bianca Cerrina Feroni, giornalista e critico d’arte, che hanno creato momenti di riflessione e confronto attorno alla scena artistica attuale. Di grande interesse e molto apprezzati i due eventi collaterali che hanno fatto da cornice a GrandArt: l’esposizione dell’opera Garcon di Domenico Gnoli accompagnata dal commento video-audio di Vittorio Sgarbi e la mostra Ex Voto – per arte ricevuta curata dal direttore artistico Angelo Crespi.

Grande entusiasmo da parte degli organizzatori della fiera che, considerando il trend in crescita dei partecipanti e il sempre maggiore prestigio delle gallerie presenti, confermano la volontà di continuare il progetto espositivo.