Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

A Milano viene confermata l’importanza dell’arte pittorica con GrandArt – modern & contemporary Fine Art Fair. L’assegnazione del premio The Bank Contemporary Art è stato uno dei principali momenti della terza edizione della fiera milanese, che si è svolta dal 4 al 6 ottobre 2019 presso lo spazio esclusivo The Mall in Porta Nuova, e che ha registrato una grande partecipazione di pubblico.

Nel pomeriggio di domenica 6 ottobre la giuria del premio The Bank Contemporary Art, composta da Antonio Menon (collezionista), Paolo Zanatta (collezionista) e Angelo Crespi (giornalista e critico), ha voluto premiare il miglior rappresentante della tradizione pittorica italiana interpretata in chiave contemporanea. L’artista vincitore è Gianluca Corona con il dipinto Convivium, un olio su tavola di 42x75cm, presentato dalla Galleria Salamon Fine Art di MIlano. Il quadro entrerà nella prestigiosa collezione museale di Bassano del Grappa da cui prende il nome il premio.

The Bank Contemporary Art Collection è la prima collezione che riflette sull’evoluzione della figurazione italiana e su come quest’ultima si possa trasformare nel futuro. Gianluca Corona incarna questa visione avanguardista e sottolinea come “Pur amando la pittura del ‘600 cerco sempre di filtrarla con un tocco contemporaneo. Ho il desiderio - continua l’artista vincitore del premio - di far emergere dai miei dipinti una composizione attuale, che abbia una sua geometria e allo stesso tempo una sua astrazione, dandogli però una luce antica. I soggetti che dipingo derivano da una passione personale relativa al soggetto stesso e con esso alle emozioni fisiche, carnali, sensoriali che mi trasmette. Nel dipinto che ha vinto il premio ho messo insieme varie forme e volumi che diventano solidi geometrici: al di là della forma di formaggi o pane ho realizzato forme astratte con una ricchezza cromatica - e sensuale per certi aspetti – che trasmettono una carnalità tattile e olfattiva”.