Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La sedicesima edizione de "La Via Lattea" sarà dedicata a due fiumi, si tratta di un vero e proprio pellegrinaggio musicale ideato dal compositore ticinese Mario Pagliarani e prodotto dal Teatro del Tempo. Il primo è un fiume esiste realmente, è il Breggia che scorre a ridosso del confine, il secondo è un fiume musicale costituito dalla musica di Bach. Sarà un cammino suddiviso in cinque tappe in programma questo fine settimana e il 27-28-29 settembre. I partecipanti seguiranno il corso del Breggia dalla sorgente sul Monte Generoso, fino alla foce nel lago di Como, durante il cammino verranno eseguite musiche di Bach, ad essa si aggiungeranno le prime esecuzioni di due fra compositori svizzeri: Roland Moser e Mischa Käser, ci saranno anche interventi dello scrittore ticinese Alberto Nessi e di Raimund Rodewald, docente di estetica del paesaggio al Politecnico di Zurigo, del direttore del Parco delle Gole della Breggia Marco Torriani e dell'ingegnere Stefano Airaghi che guiderà il pubblico nella visita al Centro Depurazione Acque di Vacallo. Nei primi quattro Movimenti si comincia con un tratto in autopostale per raggiungere il punto di partenza del cammino. L’autopostale parte dalla Stazione FFS di Balerna. Alla fine del cammino si ritorna in autopostale alla Stazione FFS di Balerna. Nel Quinto Movimento si parte direttamente da Chiasso e dopo l’ultima Stazione a Como si rientra a Chiasso in autopostale.