Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

L'Autorità di Gestione del Fondo di Sviluppo Regionale del programma “Interreg” Italia – Svizzera ha emanato il secondo avviso per la presentazione di progetti di cooperazione trasfrontaliera. Sarà possibile presentare progetti dal 26 giugno 2019 alle ore 12.00 al 31 ottobre 2019 alle ore 12.00 sui seguenti programma: mobilità integrata e sostenibile; servizi per l’integrazione delle comunità e rafforzamento della governance transfrontaliera.La durata dei progetti non deve superare i 24 mesi, ma l’Avviso prevede anche una nuova formula, i cosiddetti Small projects della durata non superiore ai 15 mesi. Precisa nel suo avviso l'Autorità di Gestione: “Si tratta di progetti a scala locale, volti ad accrescere la consapevolezza dei vantaggi della cooperazione e migliorare il processo di integrazione dell’area di confine attraverso un più deciso coinvolgimento delle comunità locali, e prevede progetti che possono comprendere fino a un massimo di 6 partner (italiani e svizzeri) provenienti da Regioni e Cantoni confinanti”. La dotazione di parte italiana è pari a 17 milioni 518mila 755,88, ladotazione di parte svizzera è pari a CHF 9 milioni 945 mila 528 franchi. Sono ammessi a partecipare in qualità di capofila e/o partner i soggetti pubblici, gli organismi di diritto pubblico che rispondano ai requisiti di cui al codice dei Contratti pubblici, i soggetti privati aventi capacità giuridica. La quota del contributo pubblico per parte italiana per ogni singolo progetto non potrà essere inferiore a 100 mila euro e non potrà superare in nessun caso la soglia di 1 milione di euro per l’Asse 3 e di 700 mila euro per gli Assi 4 e 5. Per parte italiana i contributi sono concessi a fondo perduto per conseguire i risultati indicati nella proposta progettuale, con il limite per i beneficiari privati dell’85% del costo ammesso.