Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Il Tar del Friuli Venezia Giulia ha annullato l'ennesima maga cartella relativa al pagamento delle cosiddette “quote latte” rivendicato dall'Agea ad un allevatore, questa volta il provvedimento riguardava l' Azienda Agricola di Ortile Maurizio e Roberta, di Bagnaria Arsa (Udine) che è stata difesa dall'avvocato Cesare Tapparo. Agea gli aveva notificato il pagamento quasi 650mila euro, perla pecisione 649.962,85 (di cui € 577.388,11 per l’importo non pagato della cartella di pagamento e € 72.574,74 per interessi di mora maturati sino al 6/2/2019). I giudici amministrativi hanno condannato l’Agea anche al pagamento delle spese di lite, liquidate in complessivi 1.500 euro oltre oneri di legge. La sentenza è stata emessa dal collegio giudicante composto dai magistrati: Oria Settesoldi (presidente), Manuela Sinigoi (consigliere, estensore) e Nicola Bardino (referendario)