Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

A soli 15 giorni dall’inaugurazione di Wine Experience, a Priocca (Cuneo), spazio interattivo ed esperienziale studiato per guidare il consumatore alla scoperta del complesso e affascinante universo del vino, Mondodelvino SpA oggi porta a casa - nel cuore del Roero paesaggio vitivinicolo riconosciuto dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità” - il primo importante riconoscimento in occasione del Premio Gavi LA BUONA ITALIA. Il Consorzio Tutela del Gavi premia l’originalità del progetto Wine Experience, installazione multimediale unica in Italia che esplora il tema del vino attraverso i cinque sensi con una full immersion tra storia, territori, vitigni, tecniche produttive, profumi, sapori e abbinamenti.
 
Quest’anno il Premio Gavi LA BUONA ITALIA è dedicato allo Smart Wine, ovvero l’innovazione digitale in ambito vitivinicolo. In questo contesto una qualificata giuria ha premiato, assieme ad altre prestigiose realtà vinicole italiane, l’innovativa modalità con cui la Wine Experience fa vivere al suo pubblico l’esperienza del Vino. «Dopo il successo di pubblico ottenuto in seguito all’inaugurazione della Wine Experience avvenuta solo due settimane fa, il premio Gavi LA BUONA ITALIA è per Mondodelvino un riconoscimento agli sforzi fatti in questi anni per realizzare un progetto nato da una visione innovativa di fare cultura del vino» spiega Enrico Gobino marketing manager di Mondodelvino S.p.A. «Si tratta di un primo riconoscimento che ci motiva molto e che per noi rappresenta una conferma del valore di ciò che abbiamo creato per il pubblico amante del mondo del vino».

IN FOTO: da sx Andrea Zanfi, Enrico Gobino premiato da Giulio Somma, direttore Corriere Vinicolo, Roberto Ghio, presidente Consorzio Tutela del Gavi, e Francesco Moneta.