Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Asia Bibi, la contadina di religione cristiana condannata a morte nel 2010 in Pakistan e assolta dopo un incubo durato otto anni, è arrivata in Canada. 

“È un grande sollievo sapere che Asia Bibi e la sua famiglia sono in salvo. Non avrebbe mai dovuto essere arrestata, tanto meno essere condannata a morte. Il fatto che abbia subito minacce di morte persino dopo essere stata assolta ha reso la sua vicenda ancora più ingiusta”, ha dichiarato Omar Waraich, vicedirettore di Amnesty International per l’Asia meridionale. 

“Il caso di Asia Bibi è l’esempio di quanto siano pericolose le leggi sulla blasfemia in Pakistan e dimostra quanto sia urgentemente necessario abolirle”, ha aggiunto Waraich. 

Queste norme sono generiche, vaghe e coercitive. Sono usate in modo sproporzionato per colpire le minoranze religiose e per accusare falsamente persone per mera vendetta privata.