Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Gli inquirenti della Procura di Prato nei prossimi giorni ascolteranno di nuovo nei prossimi giorni la donna di 31 anni di Prato operatrice sociosanitaria, che meno di un anno fa ha avuto un figlio dal ragazzino oggi quindicenne a cui dava ripetizioni private di inglese.
Per adesso la donna è accusata di atti sessuali con minori e violenza sessuale per induzione ed è agli arresti domiciliari dal 27 marzo scorso. La donna ha ammesso di aver avuto una relazione con il minore, sostenendo però di aver avuto i primi rapporti sessuali dopo che il ragazzo aveva compiuto 14 anni, ma dopo che il minore è stato ascoltato nel corso di un incidente probatorio ed alla luce dei nuovi documenti che ha depositato l'avvocato della famiglia ragazzino potrebbero esserci nuove accuse. Anche il marito della 31enne è indagato, avrebbe saputo che il bimbo era stato concepito dalla moglie con il ragazzino ma l'avrebbe registrato come suo figlio.