Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

L’estate si sta inesorabilmente avvicinando e le donne, ancora una volta, dovranno fare i conti con la “temibilissima” prova costume. Una fra le imperfezioni che preoccupano di più, secondo quanto sostiene Renato Zaccheddu, chirurgo estetico fra Milano e Londra, sono quei “cuscinetti” di adipe che si localizzano sul fianco della coscia, in corrispondenza del gluteo o poco più in basso, noti anche con il nome di “culotte de cheval”. Eliminarle, inoltre, non è così semplice e l’unica soluzione potrebbe essere quella di ricorrere ad un intervento chirurgico. Secondo quanto riporta l’American Society of Plastic Surgeons, infatti, nel 2017 sono stati più di 245mila gli interventi di liposuzione realizzati, contro i 235mila dell’anno precedente. Questa procedura, inoltre, dopo l’aumento del seno, è la seconda più richiesta nel 2017, con un aumento del 5% rispetto al 2016.
Per l’International Society of Aesthetic Plastic Surgery, infine, l’Italia ha occupato la nona posizione per quanto riguarda la chirurgia plastica, mentre per la medicina estetica ha raggiunto il settimo posto dietro Francia e Germania.

“Il problema di questo accumulo adiposo – dichiara il chirurgo estetico Renato Zaccheddu – che fa ‘coppia’ con le ‘maniglie dell’amore’ per gli uomini, è che non è facilmente eliminabile, nemmeno seguendo una rigorosa vita salutista fatta di una buona alimentazione e di una regolare attività fisica. L’unica soluzione, quindi, potrebbe essere quella di sottoporsi ad un intervento di lipoaspirazione, che deve essere eseguito in un clinica dotata di sala operatoria. L’operazione, condotta in sedazione profonda con anestesia regionale, viene eseguita in circa un’ora e la dimissione avviene in giornata con ‘day hospital’. Il recupero definitivo, infine, si aggira sui 3 o 4 mesi, anche se si può apprezzare sin da subito una buona parte del risultato”.

Consigli post-operatori? “Sono consigliate – suggerisce il chirurgo estetico – delle guaine compressive per 3 o 4 settimane, mentre delle sessioni di massaggi linfodrenanti, per qualche settimana, permettono un riassorbimento del gonfiore post-operazione in modo più regolare. Se si vuole essere pronte, definitivamente, per il periodo estivo sarebbe consigliabile sottoporsi all’intervento entro il mese di maggio, al massimo”.

Anche nel mondo delle celebrities hollywoodiane ci sono personaggi che hanno lamentato questa problematica, ricorrendo ad interventi di liposuzione. Una fra questi, come si può leggere su Telegraph.co.uk, è Brigitte Nielsen, ex moglie dell’attore Sylvester Stallone che, tempo fa, si sottopose a diversi interventi chirurgici per un reality show trasmesso da una tv tedesca. Anche la bellissima Jessica Alba, attrice e madre di due figli, non ha saputo resistere al richiamo di un “ritocchino” dopo aver partorito per recuperare quella forma smagliante che l’ha sempre caratterizzata. Britney Spears, invece, ha preso il primo volo per Las Vegas, come riporta Dailymail.co.uk, per sottoporsi ad interventi di lipoaspirazione su fianchi e glutei: la cantante britannica, infatti, non è nuova ad operazioni chirurgiche per migliorare il suo aspetto. L’attrice e cantante statunitense Heidi Montag, secondo Abcnews.go.com, si è sottoposta ad alcuni interventi di liposuzione per modellare fianchi, glutei e cosce.