Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Commentando la notizia dell'arresto di due persone sospettate del duplice omicidio di Marielle Franco e del suo autista Anderson Gomes, avvenuto la notte del 14 marzo 2018 a Rio de Janeiro, la direttrice del programma Americhe di Amnesty International Erika Guevara-Rosas ha diffuso questa dichiarazione: 

"Questa settimana ricorre il primo anniversario della brutale uccisione di Marielle Franco: un attacco che ha devastato le tante comunità per i cui diritti Marielle lottava e un chiaro tentativo di ridurre per sempre al silenzio una coraggiosa difensora dei diritti umani, che aveva dedicato la sua vita alle donne, alle persone Lgbti e ai giovani neri delle favelas di Rio". 

"I due arresti sono il primo segnale di progresso in un'indagine che nell'anno trascorso dall'uccisione di Marielle Franco e Anderson Gomes ha fatto ben pochi passi avanti. Chiediamo alle autorità brasiliane di assicurare che l'indagine sia indipendente e imparziale e in grado di portare davanti alla giustizia e sottoporre a un processo equo tutti i responsabili, compresi i mandanti". 

"Non c'è modo migliore per onorare l'incredibile lascito di Marielle Franco se non impegnarsi a proteggere i difensori dei diritti umani e garantire che possano continuare a svolgere in condizioni di sicurezza il loro fondamentale lavoro".