Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Proprio nel giorno in cui si festeggia la donna dal palazzo di giustizia di Parma arriva un'ennesima storia di violenza che vede come vittima una persona di sesso femminile, è terminato il processo in cui era imputato un uomo di 35 anni che in preda ai fumi dell'alcool sfogava la sua ubriachezza maltrattando la sorellastra di 44 anni, la minacciava di morte usando dei coltelli ed in qualche caso l'avrebbe presa anche a morsi. La donna non potendo resistere a quell'andazzo di violenza e terrore che si consumava nell'abitazione in cui la famiglia viveva, a Torrile, ha chiamato i carabinieri. Solo nei giorni scorsi, dopo ben sei anni dai fatti, è terminato il processo davanti al giudice monocratico Paola Artusi (pubblico ministero Antonella De Stefano), il magistrato ha condannato il 44enne di nazionalità rumena a 6 mesi di reclusione e ad una multa di 50euro. L'amministrazione comunale di Torrile proprio per prevenire questi fatti sta avviando una serie di iniziative, tra cui la promozione di un corso di autodifesa femminile.
sa.pi.