Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

E' stata ritenuta colpevole di aver gestito relazioni bancarie in vari istituti di credito luganesi dove confluivano soldi provento di usura. La Corte di Cassazione, terzo ed ultimo grado della giustizia italiana, ha reso definitiva la condanna a sei anni di carcere per riciclaggio per l’avvocatessa 49enneAlessandra Barbara Sabadini.  Sui conti aperti a Lugano finivano i soldi sporchi riconducibili a Vincenzo Guida e Alberto Fiorentino, già noti per essere stati esponenti di spicco della “Nuova Famiglia” organizzazione camorristica che era molto attiva negli anni novanta. Secondo quando riferì N. un funzionario di banca interrogato dopo una rogatoria internazionale, la donna avrebbe fatto in modo che fosse aperto un conto intestato alla figlia di Guida che avrebbe fatto da prestanome. I soldi furono spostati da una banca all’altra, prima alla Monte Paschi Suisse di Lugano, poi alla Bruxelles Lambert e poi alla filiale luganese della PBK e da qui, stando agli inquirenti, si sarebbe tentato di trasferire i soldi in Lussemburgo, ma le norme sulla trasparenza fiscale introdotte Svizzera nel 2015 non hanno permesso quest'ultimo passaggio. L'avvocatessa fu arrestata nel settembre del 2016 nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta «banca della camorra» di piazza Risorgimento a Milano, una sorta di istituto di credito clandestino gestito da Guida e Fiorentino che prestava soldi agli imprenditori a tassi usurari. Gli inquirenti ritengono che il conto sia stato gestito dall'avvocatessa dal 2003 al 16 ottobre 2015. Alle banche di Lugano la figlia di Guida era stata fatta passare come figlia di un ricco industriale trasferito in Brasile, che le ha lasciato una notevole ricchezza a Milano.