Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Tre anni dopo l'omicidio dell'ambientalista e difensora dei diritti dei nativi Berta Cáceres, Amnesty International ha chiesto alle autorità dell'Honduras di assicurare che tutti i sospetti responsabili siano portati di fronte alla giustizia.

"Sebbene vi sia stato un primo giudizio e negli ultimi giorni l'ufficio della Procura abbia annunciato che un uomo d'affari sospettato di essere dietro l'omicidio di Berta Cáceres sarà presto incriminato, il sistema giudiziario dell'Honduras deve ancora svolgere un'indagine approfondita, identificare tutti i responsabili e non solo quelli direttamente coinvolti nel reato e, infine, assicurare che nessuno resti impunito", ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe.

"Processare in modo equo e imparziale tutte le persone direttamente responsabili così come quelle che hanno avuto un ruolo di mandanti invierebbe un segnale chiaro alla società honduregna e al mondo intero: non vi sarà impunità per questi crimini contro i difensori della terra e dell'ambiente".