Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La difesa dell’impreditore parmigiano accusato di aver violentato una 21enne durante una serata a base di sesso sado maso e droga ha chiesto di patteggiare la pena. La richiesta è stata subito rigettata, quindi il 17 aprile inizierà il dibattimento. L'uomo adesso è ristretto agli arresti domiciliari dal settembre dell’anno scorso dopo 2 settimane di carcere. Un suo presunto complice, un pusher nigeriano presente la sera in cui sarebbe avvenuto il fatto è in carcere, lui ha scelto il giudizio abbreviato. Il caso risale allo scorso mese di luglio, l'accusa sostiene che la giovane dopo un primo approccio consenziente con l'uomo, sarebbe stata malmenata per un'intera notte nell'attico dove lui vive e dove aveva invitato il pusher ad aggiungersi. L'uomo ha sempre rigettato tutte le accuse sostenendo che la giovane fosse consenziente. Il 46enne ritiene che il referto stilato del pronto soccorso sia sovrastimato, i medici l'hanno giudicata guaribile in 45 giorni. Nel suo appartamento gli inquirenti hanno trovato corde e altri attrezzi sadomaso.