Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Nell'avvicinarsi della quinta edizione del “Forum del dialogo tra l’Italia e la Svizzera” che si svolgerà a Genova il 12 e 13 aprile, il Sindaco del capoluogo ligure, Marco Bucci, ha ricevuto l’Ambasciatrice della Confederazione Svizzera in Italia Rita Adam. Tema principale dell’incontro è stato l'appuntamento di aprile, le precedenti edizioni del forum si sono tenute a Roma, Berna, Milano e Lugano «La scelta della città di Genova – ha detto l’ambasciatrice Adam – per l’edizione 2019 del Forum è stata fatta anni fa, una scelta di cui sono lieta, perché so bene quanti legami esistano e quante collaborazioni siano state varate tra Genova e la Svizzera. Una scelta che ribadisco e che mi sembra ancora più significativa oggi». Durante l’incontro il Sindaco Marco Bucci ha toccato temi per quanto riguarda i trasporti e le nuove vie di comunicazione che interessano direttamente il Canton Ticino. «Quando si aprono canali di comunicazione – ha sottolineato il primo cittadino – a transitare non sono solo merci, ma business, tecnologia e cultura. Non dobbiamo pensare a un asse come più strategico dell’altro, ma a tutti come complementari tra loro. Genova è interessata assolutamente al trasporto su ferro e con il Terzo Valico avremo quattro linee ferroviarie e treni di 750 metri di lunghezza e, come per il Brennero e il Corridoio est-ovest, sarà previsto il ‘ferrobonus’». I trasporti, in particolare l’interesse di Italia e Svizzera a sviluppare i porti liguri e l’asse ferroviario che passa per il Gottardo, sarà il primo dei quattro temi trattati dal Forum di aprile che sarà aperto da Ministri degli Esteri dei due Paesi. Altri temi saranno: Scienza e tecnologia: rapporti tra salute e “Big Data”: opportunità per l’Italia e la Svizzera; Turismo: nelle declinazioni ‘turismo culturale’, ‘turismo naturalistico’, ‘scambio di esperienze e migliori pratiche’; l’Europa a cerchi concentrici: i punti di vista di un Paese fondatore dell’UE e di un Paese terzo che è in sé una piccola ‘Europa’. «Il Forum è nato ed è stato voluto fin dall’inizio come piattaforma complementare a quelle istituzionali e si riferisce in primo luogo alla società civile e agli attori privati – ha spiegato l’ambasciatrice Adam – Dopo sessione di apertura, il 12 aprile nel primo pomeriggio, i lavori proseguiranno a porte chiuse e coinvolgeranno 80 personalità italiane e svizzere suddivise in quattro cluster tematici, per poi terminare con una sessione aperta alla stampa, il giorno successivo». Il Forum è promosso dall’Ambasciata di Svizzera in Italia, dall’Ambasciata d’Italia in Svizzera, da Limes-rivista italiana di geopolitica con la collaborazione di Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) che cura anche la parte organizzativa. All’edizione di aprile 2019 collaborano fattivamente Comune di Genova e Regione Liguria. L’Ambasciatrice Rita Adam era accompagnata dal Console onorario per la Liguria Renè Rais e dalla responsabile cultura, scienza e media dell’ambasciata svizzera Ruth Theus Baldassarre.
Dopo l’incontro con il Sindaco, il programma della giornata genovese della delegazione è proseguito con la visita di Palazzo Ducale, che ospiterà il Forum, e di Palazzo San Giorgio. Il Sindaco Marco Bucci ha proposto l’offerta museale della città di Genova come ‘side-programme’ per i relatori e i loro accompagnatori, nelle sue intenzioni c’è anche quella di mettere in luce, agli occhi dei cittadini della Confederazione, le bellezze della città e dei suoi dintorni, non a caso ha ricordato il Sindaco Bucci, "Per qualsiasi città svizzera, il mare più vicino è quello di Genova”.