Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

La Croce Rossa aveva impugnato il Decreto della Prefettura di Udine dello scorso luglio relativo all'affidamento dell'appalto inerente la “fornitura di servizi alla persona, gestione amministrativa, assistenza sanitaria, distribuzione dei beni e servizi connessi” del Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo di Udine sito presso l’ex Caserma Cavarzerani per una ricettività di 320 posti. La gara è stata affidata al costituendo Raggruppamento Temporaneo di Imprese tra Consorzio Matrix Soc. Coop. Sociale e Cooperativa Stella Soc. Coop. Sociale. La CRI ha lamentato l'incongruità dell'offerta, si tratta di un appalto di cica un milione e 900mila euro, ma il Tar del Friuli Venezia Giulia ha respinto il ricorso. La Croce Rossa Italiana – Comitato di Udine Onlus, è stata rappresentata dagli avvocati Stefano Buonocore e Luca De Pauli, la Società Cooperativa Sociale Consorzio Matrix, quale mandataria del costituendo r.t.i. con la Cooperativa Stella società cooperativa sociale è stata difesa dagli avvocati Giuseppe Ceceri e Valentina Comella.