Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Contestato ed annullato l'appalto per la manutenzione dei mezzi dei Carabinieri nelle province di Udine e Pordenone: il Consorzio Parts & Services, assistituto dagli avvocati Antonio Battaglia e Francesco Arceri, ha impugnato l'atto della Legione dei Carabinieri Friuli Venezia Giulia che affidava il servizio di meccanica e carrozzeria all'Autofficina Ridolfi Eddi, la quale non si è costituita nel corso del relativo giudizio davanti al Tar. L'appalto ha un valore complessivo di 85mila euro. Il Consorzio di autofficine ha lamentato che la vincitrice non avrebbe indicato il costo della manodopera, ma in merito a questo punto i giudici amministrativi hanno ritenuto che tale rimostranza non forretta, inoltre ha lamentato che non sarebbe in possesso dei requisiti tecnici, in questo caso il collegio giudicante ha ritenuta fondata la doglianza, altri motivi di impugazione erano relativi al fatto che non sarebbe stato correttamente applicato il criterio del "minor prezzo". Il Ministero della difesa è stato anche condannato a pagare 1500 euro di spese legali. Il collegio giudicante era composto dai magistrati: Oria Settesoldi (Presidente), Manuela Sinigoi (Consigliere), Nicola Bardino (Referendario, Estensore).