Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Sono passati meno di due mesi dall'inaugurazione del sottopasso che rende fruibile il Ponte Romano di Parma, tesoro archeologico nel centro della cittadina emiliana posizionato sull'antico tracciato della Via Emilia, ma già ci piove dentro. I lavori sono costati circa 2 milioni e 400mila euro. La riapertura al pubblico è avvenuta lo scorso 7 ottobre con tutte le autorità locali in prima fila per le foto ricordo in occasione del consueto taglio del nastro, l'appuntamento fu organizzato in coincidenza dell'avvio della Settimana di promozione della cultura dell’Emilia-Romagna che celebra l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018. Sono bastate le piogge cadute nei giorni scorsi ad offuscare il tutto, una figuraccia che rischia di ripercuotersi negativamente sulla città anche in vista degli appuntamenti di Parma Capitale della cultura 2020.