Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Per le imprese del distretto industriale di Parma il mercato svizzero è molto attrattivo, gli imprenditori emiliani hanno affrontato il tema in un convegno che si è tenuto nella sede dell'Unione Parmense degli Industriali. Dopo i saluti iniziali di Cesare Azzali direttore dell'associazione, sono intervenuti: Cosimo Risi, già ambasciatore d'Italia in Svizzera e Fabrizio Macrì segretario generale della Camera di Commercio italiana per la Svizzera. Le industrie parmensi vogliono rafforzare i flussi esportativi verso il Canton Ticino e verso tutta la Confederazione che è il sesto mercato mondiale per le esportazioni italiane. Un mercato che nel corso del dibattito è stato ritenuto molto competitivo, gli intervenuti hanno sottolineato che esso esige prodotti di qualità, i settori maggiormente attrattivi sono: farmaceutica, meccanica e moda, ma da Parma emerge una specificità in più, in linea con la vocazione di quel territorio, è molto significativa l'esportazione in Svizzera dei prodotti agroalimentari in primis Parmigiano Reggiano e Prosciutto di Parma. Nel 2017 il valore dell'export italiano in Svizzera ha superato i 20,5 milioni di euro con prospettive di ulteriore crescita.
Salvatore Pizzo