Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Un tassista 61enne di nazionalità egiziana residente a Milano è stato condannato a quattro anni e otto mesi di carcere per violenza sessuale, il pm Gianluca Prisco aveva chiesto sei anni. Il processo si è svolto con il rito abbreviato. L'uomo era stato arrestato dai carabinieri lo scorso mese di luglio, secondo le accuse nella notte tra il 15 e il 16 giugno aveva caricato in auto una 20enne che usciva dalla discoteca ed approfittando dello stato di incoscienza di lei ne avrebbe abusato sessualmente, lui si è difeso sostenendo che la ragazza gli avrebbe fatto delle avances.