Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Flavio Caroli a Modena col suo nuovo libro: domenica al BPER Forum MonzaniE' Flavio Caroli ad aprire gli appuntamenti del mese di novembre di Forum Eventi: domenica 4 novembre è al BPER Forum Monzani con il suo ultimo libro "L'arte italiana in quindici weekend e mezzo". E' il racconto appassionato (e appassionante) dell'arte italiana in forma di dialogo e traccia un itinerario nei luoghi della bellezza, accostando capolavori, stili e artisti di ogni tempo in un singolare percorso

In Italia godiamo del privilegio di vivere tra opere che tutto il mondo ci invidia. Per comprendere fino in fondo il valore e la qualità di questi tesori Flavio Caroli, critico d'arte e personaggio televisivo, invita a compiere un viaggio attraverso le città che hanno fatto la storia dell?arte. Domenica 4 novembre alle 17.30 presenta il suo ultimo libro "L'arte italiana in quindici weekend e mezzo" (Mondadori) insieme all'attrice veneziana Rossana Valier che leggerà alcune pagine.

Attraverso la proiezione di spettacolari immagini mostrerà luoghi e diversi modi di intendere la pittura: dalla Milano del Cenacolo leonardesco alla Roma barocca, dal fascino della luce veneziana fino al realismo napoletano, faremo viaggi indimenticabili. In questo saggio che diventa un romanzo, dialoga con un'amica di lunga data accompagnandola per quindici weekend e mezzo alla scoperta di grandi artisti, monumenti universalmente noti e gioielli nascosti (scelti dopo una oculatissima scrematura) nei luoghi nevralgici dell?arte italiana. In questo modo Caroli indica la via per comprendere appieno il patrimonio artistico italiano, nella convinzione che i capolavori sono il riassunto dei pensieri più profondi di un?epoca storica, e costituiscono "un'apertura visionaria verso il tempo che verrà".