Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

View e-Privacy Directive Documents

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

In occasione del Festival Sottosopra, nel cuore di Castelfranco Veneto, la storica boutique “Via F.M. Preti” di Marica Simioni, dalle ore 16 di sabato 26 maggio si trasforma in atelier delle arti, il cui tema focale è la donna e il suo universo carico di emozioni, bellezza, intimità e, purtroppo, anche di episodi di violenza. Il lato più oscuro lo racconta l’opera “40” dell’artista Ketra, bassanese e castellana d’adozione. Il suo quadro ritrae il volto di una ragazza che scopriamo celare un cruento fatto di cronaca nera. Una giovane sex-worker viene trovata morta sul greto di un canale, sono passati 40 giorni dalla scomparsa al ritrovamento del suo corpo, oramai irriconoscibile. Uccisa e abbandonata. Il tempo e gli agenti atmosferici scorrono, consumano e cancellano ma attraverso l’azione artistica Ketra riavvolge il tempo: come una sorta di via crucis, ogni giorno per 40 giorni lei cuce un pezzo del suo volto fino a completarlo. Il quadro in esposizione in boutique riporta a galla quell’identità rubata, donandole la diginità di cui è stata privata: ciò che nella realtà viene distrutto, grazie a questa delicata e lenta operazione viene ricostruito.
Durante la giornata, il pubblico sarà anche allietato dalle note di un concerto per arpa che si terrà in vetrina, mentre potrà degustare calici di prosecco e del femminile “Rosé” offerto dalla Caneva dei Biasio di Riese Pio X.