Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

pallone

Avrebbe chiesto sesso a dei ragazzini in cambio di un ruolo da titolare in squadra, con quest'accusa la Polizia postale di Torino che ha arrestato un allenatore di calcio 20enne, ora agli arresti domiciliari, e un suo collega 50enne che avrebbe sfruttato il più giovane per collezionare materiale pedopornografico. Per un terzo arbitro, che con la scusa di massaggi tonificanti avrebbe tentato approcci sessuali, è stato disposto l'obbligo di firma. L'indagine, coordinata dalla Procura di Torino, è durata quasi un anno ed a far scattare le verifiche della Polizia Postale è stata la denuncia per violenza sessuale dei genitori di un sedicenne. Il suo allenatore lo avrebbe invitato a dormire a casa sua dopo la preparazione atletica per un importante match e in quella occasione avrebbe tentato un approccio sessuale. Una quindicina le vittime che avrebbero confermato i sospetti della polizia.

 

Padania Express - Logo