Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo.

Guarda la Cookie Policy

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

stupatori rimini

Due fratelli marocchini di 15 e 16 anni si sono presentati ai carabinieri di Montecchio (Pesaro) confessando di essere tra gli autori del duplice stupro, di una ragazza polacca e una trans peruviana, una settimana fa a Rimini. I due sono stati trasferiti nella città romagnola, successivamente anche il terzo componente, un congolese di 17 anni, è stato fermato. Poi è toccato al quarto ed unico maggiorenne è stato preso la notte scorsa a Rimini si chiama Guerlin Butungu, 20 anni, congolese, rifugiato residente a Vallefoglia nel Pesarese. "L'arresto di questa mattina è stato una doppia soddisfazione perché a mettere le manette al quarto uomo sono state due donne.

Un gesto simbolico che ha reso giustizia alle vittime delle violenze", racconta il Questore Maurizio Improta. Il congolese era armato: aveva un coltello e alle 2 di notte era sfuggito alla cattura nel centro di Pesaro mentre si trovava in bicicletta. Ma aveva il cellulare: seguendone le tracce, la polizia ha individuato il luogo in cui si trovava. Nella fuga ha perso anche i documenti. A quel punto il ventenne ha tentato la fuga salendo su un treno a Pesaro diretto a Milano, ma la sua corsa è finita a Rimini.

Padania Express - Logo